Barcellona: la Catalogna cosmopolita e sognante

spain-tours-barcelona-sagrada-familia

Barcellona si diverte a stupire i suoi visitatori accompagnandoli in un’atmosfera tipicamente catalana condita con un gusto tipicamente multiculturale celebrato anche dalla sua avanguardia artistica. La capitale catalana spicca infatti come citta’ di punta del Modernismo spagnolo ed europeo, con una incredibile vita notturna tutta da gustare  che si svolge tra le Ramblas, a Barceloneta e nel Barrio Gotico.

La raffinatezza modernista dell’Example e Montjuïc invece strizza l’occhio a chi ama un design eccentrico e nel contempo rivoluzionario. Per gli amanti delle atmosfere bohemienne sara’ infatti fantastico passeggiare o (perche’ no) trasferirsi e  andare a vivere nel’incredibile quartiere di El Raval.

Scopriremo e sveleremo a poco a poco la gustosa magia di Barcellona in questo nuovo blog che verra’ incontro a tutte le vostre esigenze: qui troverete un menu’ ricco di informazioni utili, news culturali e sociali, momenti di fiesta utili sia se siete qui semplicemente di passaggio sia che decidiate di rimanere e  cambiar vita.

Emozionante vivere in Spagna sotto l’egida indulgente della bellissima capitale catalana! Da dove iniziare? Ecco una breve descrizione dei quartieri di Barcellona, tra i piu’ interessanti e vivaci, da cui prendere spunto per futuri traslochi!

Gòtic (Barrio Gotico) e las Ramblas

barrio-goticoIl Barrio Gotico rappresenta a pieno titolo il centro storico di Barcellona. Collocato tra le Ramblas e la parallela via Laietana, prende il suo toponimo dalle strutture gotiche che riempiono gli spazi qui, e per le stradine e i vicoli, alcuni molto stretti, che vi condurranno letteralmente in un altro tempo.  Passando ritmicamente da una piazza all’altra nell’intricato labirinto di strade del Barrio Gotico rivivrete appieno l’incanto di quello che doveva essere stato il Medioevo in salsa catalana: da godere assolutamente una birra in Plaza del Rei, tapas e vino in Plaza Reial oppure un semplice caffè’ proprio di fronte alla Cattedrale Gotica di Barcellona.

Da non perdere Santa María del Mar, una bellissima chiesa in puro stile gotico-catalano. E se amate lo shopping, in Carrer de Ferran e Carrer Jaume 1 troverete moltissimi negozi per soddisfare ogni esigenza.

Scendendo per la Rambla da Plaza Catalunya fino ad arrivare alla zona del porto, percorrete i 2 km tra i più noti del mondo! Anche nella Rambla come nel Barrio Gorico tantissimi sono i piccoli “tapas” bar e i ristorantini di pesce fresco ad un ottimo prezzo,  specie se vi avventurate verso il porto. Lungo Las Ramblas si trova anche il famoso Mercato della Boqueria, la Chiesa gotico-barocca di Betlem, il Palacio de Moya, la Academia de las Ciencias.

Dove:  a piedi da Plaza Catalunya (15-20 minuti). Linea Gialla – L4, fermata metropolitana Jaume I.

L’Example

Questo quartiere residenziale risale all’inizio del XIX secolo e l’architettura intorno ve lo ricorda ampiamente. Salendo verso nord-est si erge l’incompiuta e spettacolare Sagrada Familia, opera del grande architetto catalano Antoni Gaudì. Sospesa tra le guglie in stile neo-gotico, mille diverticoli cubisti e con una sua impronta tipicamente modernista, quest’opera monumentale fu iniziata nel 1883. Oggi e’ ancora un cantiere a cielo aperto, e rimarrà tale almeno fino al 2026, anno in cui si stima la posa dell’ultima pietra!

L’Hospital de la Santa Creu I Sant Pau, ospedale ancora perfettamente funzionate, e’ di sicura l’altra opera modernista proveniente dagli inizi del Novecento da visitare nel quartiere.

Nell’Example anche il fascino emanato dal Passeig de Gracia assume un alone leggendario: infatti percorrendolo tutto e sbirciando la segnaletica, potrete ammirare a naso in su’ e a bocca aperta proprio le autentiche case appartenenti al famoso percorso modernista di Barcellona, tra cui spiccano quelle imperdibili e magiche create dal genio di Gaudì, ovvero Casa Batllò e Casa Milà detta “La Pedrera“.
Dove: Plaça Sagrada Familia (Linea Lilla – L2, fermata metropolitana Sagrada Familia)

Passeig de Gracia, 43 e 92 (Linea Lilla – L2, Linea Verde – L3 o Linea Gialla – L4,  fermata metropolitana Passeig de Gracia).

El Raval

house-in-el-ravalIl quartiere agli inizi del ‘900 era conosciuto come Barrio Chino, letteralmente “quartiere cinese” pur non avendo alcuna connessione con la cultura cinese o stanziamenti di popolazione di questo ceppo etnico al suo interno. La nomea fu attribuita alla zona  nel 1920 da un giornalista locale,  tal Francesc Madrid, dopo aver visto un film sulla viziosa Chinatown di San Francisco. Barcellona ha dunque sempre avuto un mondo sotterraneo il cui cuore era (ed e’ ancora) El Raval, una delle aree centrali della Ciutat Vella dove si potra’ vivere pienamente una Barcellona davvero bohemienne. Fino a poco tempo questa era una delle aree urbane più densamente popolate al mondo, ma oggi la rigenerazione ha drasticamente alterato le caratteristiche sociali, ambientali ed economiche di alcune parti del quartiere. Tuttavia, molte strade rimangono affascinanti e con un tocco medievale che ha attraversato i secoli quasi inalterato.
El Raval si centra a sinistra della Rambla ed e’ sicuramente un punto di incontro a Barcellona per residenti locali e turisti, grazie alla sua brillante vita culturale e al divertimento che si puo’ trovare qui, di notte specialmente, in mezzo a bar  alternativi che servono assenzio. Ovviamente qui ha sede il Museo di Arte Contemporanea di Barcellona, (il famoso MACBA) ma anche la Biblioteca Nazionale di Catalunya e il meraviglioso Palau Güell.

Dove: Linea verde – L3, fermata metropolitana Liceu (ovvero quella a metà della Rambla!).

 

Barceloneta

A 20-25 minuti dal centro, si trova l’antico quartiere dei pescatori Barceloneta che cambio’ completamente il suo placido volto nel 1992, quando fu rigenerato grazie ai lavori per i Giochi Olimpici di Barcellona.

Molto bello il Porto Olimpico e da vedere anche il Museo della Storia di Catalunya.

Oggi il quartiere vanta una larga offerta di ristoranti (molto noto infatti tra gli amanti del pesce), bar e club a Barcellona. Ma non dimentichiamo di andare sulla spiaggia della Barceloneta, attiva giorno e notte specialmente in estate.

Dove: Linea Gialla – L4, fermata metropolitana Barceloneta. 

Montjuïc

Montjuïc, letteralmente “montagna ebrea”, si trova di fronte a Tibidabo. Famoso il castello con un magnifico panorama sulla città che si gode da qui, il Montjuïc fu sede della Fiera Mondiale del 1929 e dei Giochi Olimpici del 1992.

Il tramonto i barceloneti se lo godono dal fantastico Palau Nacional  e dalla Fontana Magica, cullati dalla musica classicae dai colori che nascono dalle acque come per magia! Interessante da visitare qui anche il Poble Espanyol, ovvero il villaggio spagnolo che mette in mostra ogni giorno i suoi negozi di artigianato con i soffiatori di vetro.

Dove: Linea Lilla – L2 oppure Linea verde – L3, fermata metropolitana Paral·lel e poi la funicolare fino in cima.

Be the first to comment on "Barcellona: la Catalogna cosmopolita e sognante"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*